Scacco Matto alla Luna!

Ben quattro Corpi Celesti si opporranno alla Luna Piena di questo mese, bloccando parte dell’azione sottile che durante questa fase viene per sua natura sprigionata. Forti emozioni, paura ed incandescenze inconsce permetteranno di guardare nello specchio delle debolezze e scoprire finalmente il nostro vero Essere.

Nel Neopaganesimo il Plenilunio di Febbraio è conosciuto come Luna Immacolata in quanto ricorda le distese innevate e le cime delle montagne nel fitto dell’Inverno. La neve è un grande simbolo di candore e luce e sebbene sia legata al ghiaccio e al freddo promette una prossima rinascita, sotto il manto puro della Grande Madre infatti la Natura sta continuando il suo corso, i semi stanno prosperando cullati dal dolce canto della Terra. Attendono la Primavera, quando ogni progetto dall’idea passerà all’azione. Questo Plenilunio, come nessun altro, consiglia un attimo di riposo introspettivo, un fermo a qualunque azione istintiva e repentina spronandoci a riflettere su ciò che ci obbliga ad un’esistenza disperata e disperatamente infelice. E’ l’anticamera di Imbolc, quella festività neopagana che celebra la rinascita della Luce e la venuta seppur occulta del Sole Bambino, non è un caso che anticamente in sincrono venissero celebrate le divinità legate alla Fiamma Catartica come la greca Hestia, la nordica Brigid, il romano Luperco e così via.

La Costellazione del Leone La Luna diventerà piena il 18 Febbraio 2011 alle 9:35 a 29°41’ del Leone ovvero nella XII Dimora Lunare conosciuta dagli astrologi medievali come Atorsiana o Discroda in quanto attiva nell’ultimo decano del segno dominato da Marte, il belligerante. Secondo il Piacatrix, l’antico manuale arabo di Magia astrologica, questa dimora è ottima per liberare i prigionieri e quindi in senso esteso per liberarsi dalle prigioni emotive ed inconsce che ci rendo al pari dei delinquenti dei carcerati, il nostro peccato? Chiaramente l’inattività e l’inazione! Al Sarfah è il nome della dimora secondo gli arabi e significa il Mutatore del Tempo ed è secondo la tradizione favorevole all’agricoltura e all’invio di messaggi sebbene tali azioni siano caldamente sconsigliate per questa fase a causa dell’opposizione di Mercurio. La Stella Fissa che inizia la dimora è Denebola (β Leo) dall’arabo Deneb “Coda” in quanto si trova proprio sulla coda del Leone mentre gli astrologi greci la nominarono Alkaia “malva” per il suo colore caratteristico, il noto astrologo arabo Al-Biruni a proposito delle caratteristiche di questa stella scrisse: «Il caldo se ne va quando si leva e il freddo si allontana quando sparisce» indicando pertanto quella parte dell’anno in cui la Luce rimonta a sfavore delle Tenebre. Denebola è l’origine anche della dodicesima nakshatra indiana nota come Uttara Phalguni o La Schiena del Colpevole in quanto favorisce il cieco orgoglio e la prepotenza alla base delle colpe sociali per via del suo forte legame col Sole e Marte che secondo l’Astrologia sono due Pianeti Malevoli la cui collaborazione annebbia il giudizio ma anche perché si trova sulla “schiena” del Leone. La tradizione induista assegna a questa dimora il potere di costringere i nemici ad arrendersi, di vincere sulle avversità, di collezionare amicizie ed atti popolari e di purificarsi dall’impuro consumato dal fuoco marziale, tuttavia è bene precisare che a causa della paradossale opposizione di Marte, Mercurio e Sole (per via della fase piena) queste azioni sono parimenti sconsigliate. I cinesi chiamarono questa dimora Chio o Le Corna del Drago facenti parte di un asterismo che secondo la mitologia ospita i Cinque Imperatori della Cina simili a semidei, è detta essere favorevole alle donne e al matrimonio. Infine per i qabalisti è Liah, il Sentiero della Saggezza perché fornisce quell’energia solare indispensabile per incoraggiare gli studi oltre all’onore dato dalla cultura.

Il Plenilunio di questo mese presenta molti aspetti davvero unici e particolari che vanno a cozzare col simbolismo classico della Dimora ostacolandone l’espressione primaria. Il Sole (come in ogni Plenilunio), Mercurio, Marte, Nettuno e Chirone si opporranno alla Luna fomentando uno stato di grande confusione emotiva e di forte ipersensibilità dove atti inconsulti di ira e smania per qualcosa di sconosciuto ed interno non saranno rari. In particolare la presenza di Chirone esacerba violentemente le ferite inconsce provenienti dal passato gettandoci in uno stato di costernazione disarmonico per qualunque lavoro meditativo o magico. Pertanto è particolarmente consigliato seguire durante questa fase un training autogeno sui propri errori passati e sui difetti che devono essere eliminati. Coricatevi sul letto - simbolo primario di questa dimora - e fissate il soffitto passando in rassegna tutte le parti della vostra vita, quando un ricordo sarà tale da generarvi un senso di repulsione o di forte dolore lo appunterete – anche solo con una parola chiave – su un foglio di carta bianca con un pennarello o pena rossa. A conclusione dell’analisi, assumerete la posizione del Mezzo Loto e alla luce di una candela rosso intenso o di un braciere (o se lo possedete direttamente nel camino) bruciate il foglio visualizzando ogni vostra ferita consumata dalla Fiamma purificatoria. Ripetete quindi per 60 volte «mi libero dal superfluo, mi libero dal dolore».

Copyright © 2018 Il Giardino delle Esperidi - Blog , Blogger