Lo Psicopompo e l’Eclissi

Il 24 Novembre, Mercurio è diventato retrogrado in Sagittario completando la discesa simbolica nel regno infero dell’Inconscio accompagnato da un’Eclisse di Sole verificatisi il 25 Novembre nella zona nordica del mondo, l’Antartide ed invisibile dalla nostra penisola.

Mercurio è il Pianeta della Ragione, quella parte della nostra mente dominata dall’Io Cosciente che si avvale di assiomi e concetti per spiegare la realtà fenomenica (dei sensi). Una qualità umana differente dall’Intuito o dall’Immagi-nazione (nel senso letterale del termine e non di Fantasia) che utilizza parti più profonde e sensibili della mente. Nella Guideline: Novembre 2011 abbiamo parlato del suo esilio in Sagittario, un segno di fuoco vicino all’Intuito e al ragionamento filosofico nonché particolarmente affine al mondo dello spirito come indagine del sovrannaturale e non per questo dell’irrealtà. Insomma non è difficile comprendere che i due archetipi astrologici si trovano in netta antitesi concettuale, da un lato troviamo lo Scienziato che armeggia con esperimenti e statistiche dall’altro il Filosofo che parimenti provvisto di materiale empirico richiede l’educazione non soltanto del fisico ma anche della mente. Ma per varcare le soglie della mente bisogna abbandonare la linearità confortevole della Ragione. E’ necessario che Mercurio, per non soccombere, si trasformi, assuma un’altra veste sintesi di entrambe le forze coinvolte.

Gli Antichi, nella loro infinita saggezza, hanno plasmato attorno al dio Mercurio o Hermes non solo l’armatura della sveltezza mentale, dell’acutezza e del calcolo (è infondo una divinità del commercio e dei conti) ma anche l’alone mistico della guida, del conduttore dei Defunti nella primeva discesa verso gli Inferi. Ebbene, per il mondo della simbologia – antico e moderno – gli Inferi non sono letteralmente i reami dei morti bensì lo sconfinato Mare dell’Inconscio dove effettivamente vivono indisturbate le carcasse dei nostri desideri defunti (repressi). Ma come ogni percorso spirituale che si rispetti, anche quello astrologico promette una rinascita, una renovatio di queste carcasse ma perché ciò si compia è necessario spalancare le sue porte fornendo un nuovo soffio vitale al materiale che desidera. Come? A questa domanda risponde proprio la retrograzione di Mercurio.

Iniziata nel segno del Sagittario il 24 Novembre 2011 alle 8:19 continuerà in questo esilio fino al 14 Dicembre quando il Pianeta della Mente riprese le redini del suo moto proseguirà la traversata nel segno del Capricorno (8 Gennaio). Come per il precedente anno, la retrograzione di Mercurio coinvolgerà il periodo natalizio costringendoci quasi all’analisi forzata del nostro entourage familiare. Gli impedimenti nei viaggi, il ritardo di documenti e visti, gli ingorghi sulle autostrade, i problemi atmosferici fomentati proprio dal Pianeta potrebbero essere un buon motivo per indagare la nostra resistenza e la capacità di reazione. Non pochi si arrenderanno all’Ombra, magari vedendo in questi “segni” il monito di un fantomatico Destino o la punizione per qualche “peccato”. Proprio questi individui perderanno l’occasione che Mercurio Psicopompo regalerà in questo mese, un periodo di chiusura ma anche di inizio.

Eclissi Parziale di Sole e Retrograzione di Mercurio

La funzione che ha reso celebre Mercurio/Hermes nell’antichità è proprio la sua mansione di Messaggero degli Dèi, dal cielo alla terra e viceversa. Per questo motivo possedeva elmo e calzari alati che lo aiutassero a spostarsi con più rapidità fra i due mondi. Questa sua funzione primaria non viene a mancare durante la retrograzione e l’esilio, ciò che cambia è una delle destinazioni. Se l’uomo e la terra rimarranno invariati, a mutare sarà il cielo che chiaramente verrà sostituito dagli Inferi. In parole povere, se in una situazione normale Mercurio governa l’analisi empirica e razionale della realtà replicando la chiarezza e luminosità del Cielo, in un transito difficoltoso andrà ad illuminare le buie e tetre strade del regno inconscio. La lampada che si porterà dietro in questa traversata sarà sempre la Ragione Conscia che illuminerà le ombre e le illusioni di un mondo fatto solo di simboli. Non saranno rari perciò i sogni carichi di simbolismo emotivo, le percezioni e i sensi di confusione, la smania e l’angoscia, il bisogno di isolamento e l’apparente incomprensione della realtà.

Orpheus and Eurydice di Elsie Russell

Come le ombre infere sono solamente mere illusioni della nostra mente, così ciò che in questo periodo ci parrà incomprensibile ad una vista più attenta e illuminando con la Lampada di Hermes, si rivelerà pieno di significato. Mercurio Psicopompo ci esorta a scendere nel nostro mondo infero, ad affrontare le ombre per scoprire la loro fallacia e caducità. Solo adesso avremo la comprensione giusta per decifrare la lingua simbolica della nostra mente, solo adesso. Rallentate la frenesia e state in ascolto del silenzio, perché solo il Silenzio può comprendere il regno dove la parola è superflua. Osservate, osservatevi.

Come se non bastasse ad aprire il pesante Portone dell’Ade, dove sta transitando Mercurio, è stata la Luna che stamane ha eclissato il Sole in Antartide, Sudafrica e lievemente in Nuova Zelanda e Tasmania. L’eclissi è avvenuta nella XIX Dimora Lunare conosciuta nell’astrologia vedica come Mula “La Radice” e dominata dal Nodo Sud o Coda del Drago, uno dei Malefici più temuti. Infatti questa dimora sembra favorire proprio l’impedimento e la punizione probabilmente per la sua posizione sulla coda dello Scorpione. Infatti per gli arabi è Al Shaulah “Il Pungiglione” utile per la liberazione dei prigionieri (anche da vizi e conflitti) e la distruzione degli assedi (inconsci).  In quanto il Novilunio rappresenta sempre un inizio, prendiamo l’Eclisse come un monito ad iniziare la discesa per evitare di capitolare insieme agli interdetti alla conclusione del transito. La Luna – Signora della Notte e dell’Inconscio – che oscura il Sole – Signore del Giorno e della Ragione – è un “segno” evidente che Mercurio Psicopompo ha ormai varcato il confine dei “vivi”.

Copyright © 2014 Il Giardino delle Esperidi - Blog , Blogger