Venere conquista il “Cuore del Sole”

L’alba del 6 Giugno vedrà uno dei più attesi eventi astronomici dal 2004, il cosiddetto transito astronomico di Venere sul Sole. Astrologicamente parlando, dal punto di vista della Terra, il Piccolo Benefico entrerà nel “cuore del Sole” per qualche ora inondandoci col suo Raggio d’Amore.

L’Astrologia tradizionale considera il Sole come un pianeta o luminare di enorme potere per via della sua luce e della sua importanza sulla Terra. Tuttavia un corpo celeste congiunto ad esso perde gran parte del proprio effetto perché inondato e confuso dalla sua immensa energia infuocata, regola che non viene applicata quando cade nel suo “cuore” ovvero in cazimi (1). Il termine ha origine nell’Astrologia ereditata dagli arabi e significa propriamente “bruciato” o “nel cuore del Sole” in quanto apparentemente il pianeta sembra entrare nella sfera incandescente del nostro Luminare che in termini tecnici avviene quando entrambi i corpi si trovano ad una distanza minima di 17 minuti (odiernamente tale distanza è stata ampliata a 30 minuti). Un aspetto di congiunzione partile (2)  favorevole e forte che tutta l’Antichità sembra ammirare per il suo benefico influsso, da Abu Ma’shar a Guido Bonatti (3)  fino a William Lilly.

(…) Quando un Pianeta si trova a 16 minuti dal Sole è detto essere in Cazimi o nel cuore del Sole, pertanto sarà per esso un’aggiunta di fortuna che lo renderà straordinariamente forte.  [W. Lilly, Christian Astrology, aforisma 23]

Come un uomo che si purifica perdendo forza che tuttavia riguadagnerà in salute successivamente. [Abu Ma’shar]

Il Sole impiega un anno per attraversare tutto lo Zodiaco, in questa sua corsa intercettata quasi tutti i Pianeti congiungendovisi e raggiungendo pertanto la condizione di cazimi. Tuttavia dal punto d’osservazione terrestre tale configurazione è vista nella sequenza Terra-Sole-Pianeta. In casi molto rari la sequenza di cazimi cambia mostrandosi come Terra-Pianeta-Sole e dal nostro pianeta può succedere solo con la Luna, Mercurio e Venere. Quando la Luna si interpone fra il Sole e la Terra (Terra-Luna-Sole) avviene il fenomeno del Novilunio (cazimi Sole-Luna) e quando i tre corpi celesti sono perfettamente allineati avviene l’Eclissi solare. Nel caso di Mercurio questa condizione di eclissi (Terra-Mercurio-Sole) avviene molto più spesso per via della sua vicinanza al Sole con una cadenza di 13-33 anni mentre quella di Venere è molto più rara e si stima che il transito astronomico sul Sole avvenga ogni 243 anni con coppie di transiti separate da un lasso temporale di 8 anni. La coppia del nostro secolo è iniziata l’8 Giugno 2004 e si concluderà il 6 Giugno 2012 per poi ripresentarsi l’11 Dicembre 2117 e l’8 Dicembre 2125. La rarità di questo evento è dovuta al fatto che l’orbita di Venere – rispetto a quella della Terra – è inclinata di 3.4° pertanto difficilmente riesce ad allinearsi, solitamente quando avviene la sequenza Terra-Venere-Sole questa sembra posizionarsi sopra o sotto il Luminare impedendo quindi una vera e propria eclissi venusiana.

Il raro evento, nel linguaggio astrologico, avverrà a 15°44’ dei Gemelli – con perfezione della congiunzione il 6 Giugno alle 3:08:58 - ovvero nel decano, dodecamoria e nel termine di Venere. Il Pianeta dell’Amore pertanto si fortificherà in maniera assoluta perdendo le ristrettezze date dalla sua retrograzione ed inviando sulla Terra – attraverso l’allineamento perfetto che fungerà da ponte o canale – un influsso fortemente positivo. Per poche ore le preoccupazioni quotidiane si placheranno, sentiremo il bisogno di divertirci e comunicare al mondo le nostre emozioni benigne, sentendoci in armonia col Cosmo. Il sex appeal aumenterà insieme all’autostima e i chiarimenti a livello sentimentale saranno più semplici e diretti oltre che consigliati. L’aspetto di cazimi – cioè ad una distanza di 17’ dal Sole – inizierà il 5 Giugno alle 22:44 e finirà il 6 Giugno alle 7:18. In questo lasso di tempo possiamo sfruttare in vario modo l’energia venusiana attivata dal transito, concentrandoci sulle nostre emozioni e sul lato artistico della vita che come non mai sarà misteriosamente stimolato. Nei gradi sabiani, il quindicesimo dei Gemelli corrisponde a “due bambini olandesi si scambiano a viva voce le loro opinioni” che ben si accorda con il messaggio di chiarimento rivolto alle coppie di amanti come di amici nonché al mondo intero e alla sua evoluzione sociale.

Connessione al Cazimi di Venere.

  • Malachite;
  • Incenso alla rosa;
  • Candela verde o rosa (opzionale).

Qualche minuto prima del momento esatto della perfezione del cazimi (6 Giugno 3:08:58)  accendete l’incenso e la candela, unica fonte di luce della stanza. Posizionate la malachite sullo sterno – nei pressi del Chakra del Cuore – e chiudete gli occhi. Visualizzate i tre corpi celesti allineati ed un fascio di luce dorata partire dal Sole ed attraversare Venere tingendosi di verde smeraldo per poi raggiungere la Terra ed infine la propria casa. Osservatelo inondare la stanza purificandola da ogni energia negativa ed entrare nel vostro corpo attraverso il Chakra del Cuore che risplenderà insieme alla malachite di una profonda brillantezza. Liberatevi da ogni paura accogliendo l’energia venusiana.

---------------------------------------------------

(1) L’aspetto di cazimi è preceduto da altre due configurazioni conosciute come Sotto i Raggi del Sole (da 8°30’ a 17° dal Sole) e Combustione (da 3° a 8°30’). A differenza della congiunzione partile – cazimi appunto – col Sole, queste altre due configurazioni sono considerate particolarmente nefaste in quanto il Pianeta coinvolto a causa della forza accecante del Sole perde gran parte delle sue potenzialità.

(2) Nell’astrologia tradizionale il termine partile indica un aspetto perfetto ovvero rientrante nell’orbita esatta (0° di distanza per la congiunzione, 60° per il sestile, 90° per la quadratura, 120° per il trigono, 180° per l’opposizione). Vedi qui.

3) Guido Bonatti utilizza il termine Zaminium.

Copyright © 2014 Il Giardino delle Esperidi - Blog , Blogger