Guideline: Gennaio 2018

Mercurio raggiungerà Saturno in Capricorno per poi preferire, a fine mese, l’Acquario. Marte guerreggerà nel cosmopolita Sagittario seguito da Vesta, mentre Venere acquisirà un tocco di originalità acquariana. Infine, Pallade continuerà il giro zodiacale soggiornando in Toro.



2 gennaio alle 15:11, Urano tornerà diretto in Ariete. Il rivoluzionario pianeta è agli sgoccioli del transito nel primo segno zodiacale che si concluderà a maggio. L’aspetto bellico dell’Ariete è stato accentuato da Urano sobillando il malcontento e l’imposizione ideologica. Per maggiori informazioni rimando il lettore all’articolo in merito.

11 gennaio alle 6:09, Mercurio entrerà in Capricorno. Il decimo segno zodiacale non è molto congeniale alla velocità e volatilità del piccolo pianeta eccetto per l’aspetto terroso che ben si sposa al domicilio secondario di Mercurio ovvero la Vergine. In tal senso, Mercurio fungerà da ponte nel dialogo con Saturno da poco giunto nel segno favorendo la lucidità, la razionalità e la capacità di destreggiarsi nella faccende quotidiane specialmente se sommerse dalla burocrazia. Ciononostante, avvertiremo un certo rallentamento, anche negli spostamenti e nei rapporti, che sfruttato come strumento di riflessione può offrirci una nuova lettura dei contrattempi. Non è il momento ottimale per acquistare, vendere o viaggiare. Il 31 gennaio alle 14:39, Mercurio entrerà in Acquario attenuando il rallentamento del transito precedente. La volatilità area acquariana ci permetterà di ideare ed intuire nuovi campi di indagine ed intervento oltre a suggerirci delle soluzioni originali ai piccoli problemi. Momento ideale per gli acquisti tecnologici.

15 gennaio alle 5:41, l’asteroide Vesta entrerà in Sagittario. La smania di nuovo è l’effetto principale del transito. Sentiremo il bisogno di espanderci oltre le mura domestiche con la speranza di alleggerire le responsabilità quotidiane. Tale evasione può concretizzarsi prolungando le vacanze, organizzando un viaggio oppure astraendosi attraverso la lettura o la visione di una serie tv/film. La casa, rappresentata da Vesta, sembrerà restringersi e costringerci a vagare spinti dalla curiosità di scoprire nuovi orizzonti.

18 gennaio alle 2:43, Venere entrerà in Acquario. L’undicesimo segno ha svariati punti in comune con Venere, a cominciare dalla triplicità aerea e dai tratti saturniani, presenti in Acquario come in Bilancia. Tuttavia, la forte azione uraniana del segno renderà il pianeta dell’amore più leggero e libero, lontano dalla possessività del Toro e dalla ricerca spasmodica di perfezione della Bilancia. Al contrario, Venere ci consentirà di guardare all’amore con serenità e praticità mettendo da parte l’idealizzazione e la pretenziosità. Questo atteggiamento potrebbe mettere in discussione le coppie instabili incapaci di comprendere la necessità di libertà offerta dal segno, equivocata come libertinaggio o deresponsabilizzazione.

20 gennaio alle 3:29, l’asteroide Pallade entrerà in Toro. Il secondo segno zodiacale non ha molti punti in comune con l’asteroide dell’emancipazione. Legato alla quotidianità e alla tradizione nostalgica familiare, il Toro tenderà a limitare il prurito d’indipendenza voluto da Pallade. Un escamotage arguto per cogliere gli aspetti positivi del transito è dedicarsi all’arte plastica (scultura, pittura) oppure concentrarsi sulla gestione dei beni immobili invocando la saggezza palladiana.

20 gennaio alle 4:09, il Sole entrerà in Acquario. La stella del nostro sistema planetario trova nell’undicesimo segno il suo esilio, una debilità essenziale. D’altronde, ci troviamo nel pieno dell’inverno quando il calore del Sole è difficilmente percettibile e le ore di oscurità sono maggiori. In questo viaggio nel regno invernale dell’Acquario, il Sole ci porterà a riscoprire la bellezza del caminetto, di una chiacchierata in un piccolo ed accogliente locale ma anche l’originalità di trovare un nuovo piano d’azione per i mesi caldi. Sconsigliate le attività legali e i chiarimenti coi superiori.

26 gennaio alle 13:56, Marte entrerà in Sagittario. La triplicità ignea è l’unico punto di contatto fra il pianeta rosso e il nono segno zodiacale. Marte, pertanto, tenterà di esprimere la sua nota aggressività bellica attraverso l’ideologia e l’imposizione morale impossibilitato a rivelarsi come guerriero dal pugno facile. Il transito può essere scaricato attraverso l’attività fisica, canale preferenziale del Sagittario ma anche di Marte, non per forza a livello agonistico. Il rischio di imporre le proprie idee in maniera eccessivamente veemente è l’effetto principale del transito dal quale dovremo guardarci.

Copyright © 2014 Il Giardino delle Esperidi - Blog , Blogger